RIVOLUZIONE MONDIALE: QUANTUM FINANCIAL SYSTEM

di Gianmarco Landi

Da un paio di anni sempre più insistentemente si parla di un Reset Finanziario Mondiale attuando un azzeramento dei debiti ingiusti, ormai diventati masse astratte capaci solo di soffocare con la speculazione la crescita dell’economia e il benessere delle comunità occidentali. Il reset verrà sicuramente promosso dagli Stati Uniti e sui modi con i quali sarà messo in atto vige un rigoroso riserbo, ancorché agli addetti del settore qualche ‘spiffero’ è arrivato alle orecchie. La materia richiede una padronanza di concetti sofisticati, tuttavia in meno di 15 minuti di lettura chiunque potrà capire cosa sta succedendo e perché l’Occidente in questi mesi sia precipitato in una cappa di oppressione terroristico biologica, sotto lo sfondo di una guerra politica USA-Cina, cioè di un braccio di ferro tra le élite che vogliono portare l’Umanità in due direzioni diverse, l’una opposta all’altra. In realtà lo scontro non è solo geopolitico, cioè Cina contro Usa, né limitato alla competizione tra due sistemi socioeconomici alternativi, Globalizzazione contro Sovranismi nazionali, o di natura limitatamente egoistico finanziaria, bensì di spessore altamente spirituale.

Il reset finanziario, con la fine della guerra USA-Cina e della Globalizzazione imperante, prima o poi ci sarà, ed esso sarà molto propizio per rimodulare il capitalismo attraverso una rivoluzione mondiale delle infrastrutture finanziarie: il progetto si chiama QFS (Quantum Financial System), una rete che opererà attraverso un “Cross Boarder Interbank Payment System” ( un nuovo sistema interbancario in piano trasversale). Il nuovo piano interbancario, quantunque realizzato dal Governo degli Stati Uniti, sarà un network privato globale così come è quello attuale, ma non sarà gestito dai banchieri, bensì da un’intelligenza artificiale ancorata ad una ferrea logica peculiare dell’Occidente più virtuoso, e cioè la creazione di moneta a credito. Solo apponendo dei vincoli alla creazione della moneta dal nulla si otterrà la fine delle pesanti dinamiche usuraie. Il QFS, infatti, cancellerà la creazione della moneta a debito, cioè la possibilità di un banchiere di inventare denaro scritturale su un conto e prestarlo ad interessi, e opererà solo attraverso monete avvalorate da risorse economiche reali, consentendo ad ogni entità, e non solo alle grandi multinazionali, di poter avvalersi degli strumenti finanziari per il fine di realizzare un qualsiasi progetto edificante per sé stessi e per gli altri. In poche parole il QFS è il Pensiero Laterale in ottica di Umanesimo che si oppone al Pensiero Verticale e alla piramide del denaro che vorrebbe portarci al Transumanesimo mediante i nuovi ritrovati tecnologici e farmacologici.
Il QFS persegue di realizzare l’integrità dei movimenti di denaro dalle Banche Centrali, nell’ambizione di rimpiazzare il sistema di compensazioni delle Banche centrali articolato sul sistema Swift. La Swift è una società consortile di tutte le banche, attraverso cui oggi si attua la circolazione della ricchezza tra le banche di tutto il Mondo. Cancellare il Swift System è un’impresa titanica anche per il Presidente degli Stati Uniti. Essa avrebbe il senso di porre fine alla corruzione sistemica e alla manipolazione interna al sistema bancario, ed evitare che la Finanza internazionale sia tramutata in uno strumento coercitivo a scapito della politica e degli stati. Il 14 agosto scorso è ricomparso in grande spolvero il sito Quantistico Usa con un report con il proposito dell’uso dell’Intelligenza artificiale nel sistema finanziario QFS (sito creato da 2 anni ma evidentemente bloccato dal Deep State americano), e 4 giorni fa l’Amministrazione Trump ha nominato una Commissione per il coordinamento quantico nazionale con l’intento di procedere seriamente in questa direzione, dando la notizie proprio sul sito internet a ciò deputato.

National Quantum Initiative Home Page

Il colossale progetto si pone nel solco degli accordi Nesara/Gesara stoppati 20 anni fa dal Nuovo Ordine Mondiale dopo l’11 settembre, e quantunque sia ambizioso e apparentemente velleitario alla stregua di una discettazione marxista che confida ingenuamente nella bontà degli esseri umani ben intenzionati, è da considerare una evenienza molto concreta e plausibile, anche perché nel frattempo Trump ha sfilato il controllo della Federal Reserve ai Rothschild con il pretesto dell’emergenza Covid-19. La Pandemia sarebbe dovuta servire ad ingessare lo smantellamento della Globalizzazione ed in ultimo a sbarazzarsi di Trump, dei sovranismi in Europa e in America Meridionale, e infatti all’inizio della primavera scorsa l’ordine presidenziale di sottomissione della FED al Tesoro Usa fu pure appoggiato dall’unanimità del Senato Usa, giustappunto per imporre la situazione straordinaria Covid. Ma è ora evidente che se Trump dovesse rivincere le elezioni del prossimo mese, tenendo sotto scacco perenne i leader democratici, tutti processabili e arrestabili per aver commesso molteplici reati gravissimi, questo risultato spianerebbe la strada al QFS e ad una rivoluzione mondiale.
IL QFS è un sistema in grado di stabilire un miglior contesto macroeconomico esplicitando l’equo ammontare di moneta disponibile per ogni nazione, attuando una formula trasparente e condivisa in base ai patrimoni (assets) di ogni paese, e non solo alla quantità di oro e argento detenuti. La formula includerà il territorio, la popolazione, la storia, i know how e altri parametri che comunque sono assets non perfettamente finanziarizzabili perché intangibili rimanendo nelle regole empiriche tradizionali. Se si potesse ricorrere ai miliardi e miliardi di elaborazioni di dati complessi che è in grado di fare un’intelligenza artificiale, si potrebbe attagliare un merito di credito economico intelligente e non facilmente corruttibile, nonché articolare equilibri macroeconomici internazionali volti alla Pace e alla comune prosperità. Questa formulazione è propria del QFS e si applicherà per permettere il Reset finanziario Globale con l’abbattimento dei debiti ingiustificati. Perciò ora potete meglio capire perché l’Establishment bancario di Davos stia lottando con le unghie e con i denti, fino a promuovere e tifare per la presunta pandemia Covid, per l’intento di bloccare lo sviluppo di questo sistema finanziario rivoluzionario. Il QFS è in grado di abbattere con una botta secca sia il Signoraggio Bancario, ossia il potere di chi governa le Banche Centrali di emettere moneta a debito e depredare i popoli, sia l’allestimento di schemi Ponzi legalizzati attraverso un uso depravato dei derivati. Tutte le nazioni che non hanno ancora aderito a GESARA, ovvero al Global Economic Security and Recovery Act (NESARA è lo stesso concetto originariamente solo per gli Stati Uniti), cioè ad un insieme di riforme propedeutiche all’avvento del QFS, saranno lasciate fuori da questo sistema e perciò da tutte le possibilità di transazioni internazionali, e perciò alla fine tutti aderiranno a GESARA.
Per capire la situazione conflittuale in cui il Mondo è piombato dovete sapere che il sistema attuale, senza considerare l’aggravio di una ulteriore montagna di derivati, ha partorito una montagna di debiti pari ad oltre 250 mila miliardi di dollari, cioè 250 trilions di $. Atteso che un debito sarebbe reale se ci fosse un creditore legittimo, la domanda da porsi per poter scorgere il progetto di schiavitù ai danni della gran parte degli esseri umani, è questa:
nei confronti di chi l’Umanità sarebbe debitrice per questa massa abnorme di pendenze? Ed ancora, è giusto e possibile, rimanendo nel sistema attuale, estinguere questa ciclopica massa di debiti che genera solo enorme speculazione e un freno allo sviluppo materiale e spirituale degli esseri umani?
In realtà i banchieri hanno creato queste masse di debiti generando moneta dal nulla sotto forma di creazione di credito nel Sistema, ed in questo modo famiglie e imprese nel settore privato, ma anche tutti gli Stati nel settore pubblico, sono schiacciati dal peso di debiti che a livello ontologico non sussisterebbero in questa oscena misura se i meccanismi di leva finanziaria per stimolare la crescita fossero stati bilanciati, e non pensati per il fine di rendere tutti ‘schiavi’. Le finezze tecniche con cui i grandi banchieri d’affari operano sono sfuggenti alla comprensione del 99,99% delle persone, le quali galoppano al lavoro come cavalli imbrigliati e scudisciati tutti i giorni, affannandosi a lavorare senza pensare, e magari scagliando pure la propria ira contro ‘potenti’ di marginale importanza. Noi italiani, ad esempio, negli ultimi 25 anni siamo stati privati di quote di ricchezze da noi stessi prodotte con il lavoro, e sfido chiunque a dimostrare che per 25 anni non abbiamo consumato, risparmiato ed investito flussi di ricchezza inferiori a quelli da tutti noi prodotti anno per anno, con la beffa ulteriore di ritenerci pieni di debiti, che sono man mano aumentati sia nel settore pubblico sia in quello privato, e di aver dovuto opprimere la crescita della nostra produttività e del nostro Pil. Chi non guarda l’Italia calata nel Sistema Globale esternamente e dall’alto, considerando i flussi e gli stock di contabilità nazionale, questa cosa non la può ben capire. La situazione mondiale è sul bordo di un burrone, e questo articolo del Sole 24 ore risulta paradigmatico delle storture e delle idiozie del sistema finanziario attuale, perché ci narra di un debito enorme senza domandarsi chi sia l’effettivo creditore e quale problema effettivamente ci sia, se non quello di pensare di avere il problema.


https://www.ilsole24ore.com/art/debito-e-record-mondo-253mila-miliardi-passivo-322percento-pil-ACdAfgBB


Negli ultimi due anni però qualcosa è cambiato. Il ‘Make America Great Again’ di Donald Trump, mediante un rispettoso esercizio democratico e senza alcun ricorso alla violenza, ha messo in discussione il Sistema attuale ventilando la possibilità di uscirne in maniera dolce, ed è per questo che le élite a capo della finanza, cioè quelle del Nuovo Ordine Mondiale, si sono allarmate e prodotte in forzature violente della Democrazia in modi sempre più subdoli, tortuosi e prevaricanti.
La dinamica di crescita del debito delle società non finanziarie generata dalle politiche di stimolo monetario spostate tutte nel settore privato, è assai esemplificativa delle angherie del Nuovo Ordine Mondiale, perché in poco tempo il Sistema ha portato ad un aumento di stock di debiti mondiale di oltre 20 mila miliardi di dollari nel Corporate, tra il primo trimestre 2008 e il secondo del 2016, passando da un 85% ad un 95 % del Pil mondiale. Ma questa dinamica invece di limitarsi a consegnare l’economia reale al dominio assoluto della finanza del Nuovo Ordine Mondiale con prossima capitale Pechino, come era nelle raffinate intenzioni di queste élite, ha realizzato le condizioni per una rivolta democratica dell’economia occidentale rispetto alla finanza, che si è ovviamente estrinsecata nel 2016 mediante l’elezione di Donald Trump alla poltrona politica più importante al Mondo. Considerate infatti che dal 2008 l’incidenza del debito delle famiglie su Pil si è andata ridimensionando, passando dal 66.8% al 61.3% e questo, avendo impoverito il ceto medio portandolo alla esasperazione, ha sortito un’alleanza naturale tra gli alti ceti produttivi industriali e post industriali insofferenti ai banchieri, e il ceto medio americano, rendendo così possibile la messa in discussione dei progetti delle élite del Nuovo Ordine Mondiale da parte di un élite molto più debole ma rafforzata da un largo consenso.

Bisogna poi considerare che il trend ascendente del debito mondiale è stato guidato dai mercati emergenti nel settore privato e quando nel 2008 il debito di tale aggregato sfiorava il 60% del Pil, e a metà 2018 ha raggiunto il 105%, ovviamente per causa dei privilegi concessi dalle élite globale alla Cina, si sono creati i migliori presupposti antisistema per una narrativa di scontro tra Cina e Usa che ha ancora di più rafforzato tutto quello che c’è oggi dietro alla forza rivoluzionaria di Trump. La crescita del debito è infatti un fenomeno che ha riguardato solo i paesi emergenti e che ha visto fare la parte del drago alla Cina, con una esplosione delle passività delle imprese in Cina passata in pochi anni dal 97.4% al 163.4% del Pil, a ritmi tali da arricchire la Cina a scapito dell’Europa, Germania parzialmente esclusa, comportando però rischi per la stabilità del sistema finanziario internazionale. Questi rischi avrebbero potuto alimentare l’escalation di terrorismo in Occidente alimentando narrative sul debito, i derivati, lo spread, una nuova crisi come quella del 1929 etc… e avrebbero potuto rinforzare il progetto del NWO in atto fortemente fino ancora a due anni fa, ma per fortuna lo scenario è stato spaccato con l’avvento di Trump e dal verificarsi grossomodo contestuale della Brexit.
Mi preme evidenziare un dettaglio che reputo importante. Chi sa leggere i dati macroeconomici e finanziari inquadrandoli nei ricorsi storici, capisce che la Cina è un carnefice creato dalle élite di Davos strumentalizzate dal NWO contro l’Occidente, ma è anche una vittima, un po’ come la Germania di Hitler dagli anni 30 con il debito tedesco emesso a New York con bond JP Morgan in dollari/oro nel 1924, la ragione per la quale poi fu sortito l’abbattimento del valore del marco e così create le condizione di un disastro preparatorio alla realizzazione della dittatura Nazista, con tutto ciò che di importante ne è scaturito, cioè la II° Guerra, i primi 5 anni di Unione Europea, lo sterminio di un grande ceto medio europeo ebraico nonché molti esponenti delle massonerie democratiche, e le prime sperimentazioni eugenetiche segrete. Il ricorso storico ricordando Gianbattista Vico, è insito nel considerare che il debito cinese generato negli ultimi 15 anni rappresenta oltre il 28% del debito Corporate mondiale, ma la Cina non rappresenta un’economia che vale il 28% di quella del Mondo, ma molto meno. Andando a spanne sappiate che il Pil cinese è meno di 12 trilioni di $ contro 21 trilioni di $ degli Stati Uniti e 18 trilioni di $ della zona Euro, e questa situazione totalmente ‘sformata’ si è creata solo perché dei ‘geni del male’ l’hanno pensata per drogare l’economia cinese e asservirne la dittatura, allo scopo ultimo di farne uno strumento di controllo e indirizzo del Mondo da sottoporre ad un unico governo.
Ma vediamo il conflitto finanziario mondiale come è articolato.

Il N.W.O. (Nuovo Ordine Mondiale) non vuole attuare alcun reset dei debiti e vorrebbe continuare a favorire la Cina perché persegue la deindustrializzazione dell’Occidente e la digitalizzazione totale, sia in senso sociopolitico, sia addirittura introducendo dinamiche eugenetiche ed elettromagnetiche che interferiscono con il funzionamento biologico degli esseri umani. Queste attitudini del 5G le ha spiegate molto bene l’ing. Colao, quantunque dal suo punto di vista conferendo delle accezioni positive nel senso di poter meglio essere curati in remoto abbracciando l’ottica del Transumanesimo. L’opera di propaganda è l’inganno che ci porta a non pensare per non essere tacciati di complottismo, è molto sottile, e così personaggi assurdi come Greta Thunberg non appaiono strumentali a questo disegno, chiaramente volto alla eliminazione delle industrie di supporto al capitalismo, ammantando il proposito depauperante con la riconversione ecologica dell’intero sistema produttivo in senso di capitalismo sostenibile. Si tratta di concetti molto suggestivi ma superficiali e stupidi, e non solo perché dovrebbero attuarsi in Occidente ma non in Cina, dove invece si inquinano l’aria, i fiumi e i mari a tutto spiano. Il favore accordato alla Cina dalle élite di multimiliardari è sfacciato, e infatti le nuove infrastrutture 5G dovrebbero essere gestite secondo loro proprio dalla Cina, per facilitare una univoca, e tirannica, gestione del traffico di dati, cioè del fattore critico del successo nel 21° secolo, per il fine spudorato di costruire una società mondiale omogenea di esseri ‘ribattezzati’ sull’altare del Transumanesimo. E’ su questo terreno del 5G che infatti si realizza lo scontro più forte tra Usa e Cina, cioè tra il reset con il QFS di Trump e il Non-reset dei debiti perorato dai miliardari di Davos e dai loro pifferai mediatici. Le élite del NWO (New World Order) ritengono che il progresso debba vedere la maggior parte degli aspetti della vita quotidiana delle persone controllati digitalmente, e non solo tutti i pagamenti finanziari, ma finanche le cure farmacologiche e i diritti di fare e non fare, così riducendo gli esseri umani ad amebe totalmente deresponsabilizzate. Il sistema di governo economico e finanziario voluto dal NWO sarebbe quindi centralizzato e trasferito in Cina, venendo gestito da un vertice ibrido composto dalle banche centrali e da quelle aziende private in grado di coniare delle proprie cripto-monete, sul esempio di Libra, la moneta di Facebook vista molto bene da George Soros e dagli altri mafiosi khazari, che hanno integrato pro quota nella loro cupola i colossi della web economy e il Partito Comunista cinese. In questo scenario il capitalismo continuerebbe a procedere con un’etica protestante ancora più spietata di quella dei bambini nei cunicoli delle miniere di carbone che indignavano Marx, ed emergerebbe per dato biologico una enorme massa di ‘sfigati’ occidentali in tutti coloro i quali, perdendo la propria occupazione e vivendo di sussidi compassionevoli, dopo lo smantellamento del sistema industriale e la digitalizzazione dei servizi, potrebbero essere facilmente concentrati nel campo ‘arcobalenato’ dell’Andrà tutto bene, cioè di una graduale riduzione della popolazione ritenuta da queste élite assolutamente necessaria. E’ questo lo scenario supportato dai miliardari di Davos, portatori di una rediviva soluzione finale imposta dall’alto, con una logica a piramide che potrebbe trovare una specie di giustificazione razziale imponendo pratiche eugenetiche in maniera proditoria attraverso nanotecnologie inoculate nei corpi umani, con il pretesto di sopravvenute necessità sanitarie. I miliardari di Davos, infatti, riveriscono questo culto della “pandemia” e si sperticano in lodi apologetiche delle vaccinazioni di massa, sullo sfondo sociopolitico di lockdown punitivi, perché è questo l’unico modo per poter proteggere lo status quo in cui loro sono degli assoluti privilegiati, oggi però minacciati da un tentativo di rivoluzione trumpiana che li sta facendo impazzire. Il Non-Reset finanziario di Davos teme il QFS e la fine della Globalizzazione, e con l’intermezzo di un periodo coercitivo di 2 anni di lockdown, vorrebbe imporre uno svuotamento della Democrazia strumentale al drastico cambiamento nei processi del lavoro, permettendo così l’avanzata del digitale a passo ‘nazista’, cioè le precondizioni per un controllo delle popolazioni con logiche malthusiane.


A tutto ciò, che è voluto fortemente dal NWO, si contrappone il reset finanziario dei debiti e il Quantum Financial System di cui vi ho accennato, con la moneta non più creata a debito ma a credito, con l’intelligenza artificiale e il 5G non impiegati prospetticamente a dirigere la vita degli esseri umani geneticamente programmati ed ‘elettrocomandati’ dal vertice di una Piramide, ma a difesa della Democrazia e attuando un governo del Sistema finanziario portentoso, nel senso di sottrarre alle ‘spire’ dei potenti tutta l’Umanità. Ovviamente questo reset metterebbe seriamente a repentaglio le conquiste delle élite della Globalizzazione, e perciò tutti i potentati del NWO sono impegnati a tentare di sbaragliare i leader delle Democrazie Occidentali, Donald Trump e Boris Jonhsoon in primis, nel tentativo di non far accendere una luce nuova che potrebbe illuminare tutta la Terra, e rendere gli esseri umani più liberi, più ricchi e un po’ più rivolti ad esercizi spirituali di quanto lo siano stati negli ultimi 50 anni.
Il reset del QFS, infatti, non è limitato solo alle cancellazioni dei grandi debiti iniqui, ma ad un reset del sistema capitalistico come nessuno mai aveva potuto pensare finora, mandando in soffitta tutte le bugie delle ideologie che hanno diviso l’Umanità e sparso fiumi di sangue sulla Terra. L’ambizione è quella di uscire per sempre dalle contrapposizioni sterili tra capitale e lavoro, tra padroni e dipendenti, tra Mondo e nazioni, e dagli inganni ideologici più raffinati, come Destra e Sinistra, o come il “green“ oppure “l’Arcobaleno della Pace”, che hanno sempre mantenuto intatte le ingiustizie sociali di fondo del capitalismo, assicurando le leve della finanza ai mafiosi khazari e ai loro stretti alleati di oggi, cioè i gesuiti, attualmente a capo del Vaticano, e l’Aristocrazia Nera, meglio definita dal termine massoneria aristocratica.
Il sogno del QFS è quello di una cambio di paradigma esistenziale che modifichi le gerarchie finora date per certe, concrete, inamovibili del Sistema così come noi le conosciamo: non più l’uomo come una piccola pedina interna ad un’economia, ad una società o ad un’organizzazione socioeconomica totalmente materialista, ma il ritorno ad un Umanesimo enfatizzato, con la finanza al servizio dell’economia intesa sia per la ricerca dello sviluppo materiale, sia per quello spirituale.


Chi ci darà una mano a realizzare tutto ciò? La risposta è nei computer quantistici, cioè un riverbero della fisica (o meccanica) quantistica. Si tratta di una conquista scientifica ancora molto poco compresa dai popoli, ma che porterà ad un salto improvviso dell’Umanità. Quando tutti capiremo di cosa si tratta, sarà come se qualcuno d’improvviso avesse accesso la luce facendoci abbandonare la penombra, e perciò tutto sarà molto più chiaro per tutti. Ogni cosa avrà un senso nuovo molto più profondo.
Fantascienza? Complottismo? Sogni? Fanatismo dal sapore New Age? Eh no, miei cari benpensanti obnubilati dalle vostre certezze stupide che magari starete ridendo di me, quello di cui sto parlando e da cui il progetto QFS trae fondamento, è Scienza purissima posta ad un livello superiore a quello a cui vi siete abituati, e che come sapevano gli alchimisti medievali disprezzati dalla vulgata culturale ignorante, è magia nella sua accezione più scientificamente profonda del termine, quella che contempla la riflessione anche sul mistero esistenziale degli esseri umani.


Il QFS sarà un Sistema concreto volto alla consacrazione del Libero Arbitrio, un diritto messo al sicuro e sotto il nostro controllo individuale. Nel QFS nessuno, se non noi stessi, potrà accedere al nostro conto o interferire sui nostri diritti economici o possibilità di realizzare, come oggi fanno le Banche sulla nostra liquidità, oppure per mortificare il nostro merito di credito. Chi ha 1.000 euro sul conto avrà 1.000 euro anche sul QFS, e le ricchezze frutto di risparmio e lavoro onesto saranno preservate al 100%, mentre chi ha un progetto da realizzare con la sana volontà di ricercare l’equilibrio economico finanziario arricchendo sé stesso ma anche la sua comunità, sarà messo in condizione di poterlo fare. Ma ci sarà un grosso problema per le élite: chi avrà depredato i popoli usando il Sistema attuale attraverso cui ha creato moneta a debito per togliere ricchezza e libertà a chi lavorava, si vedrà totalmente ridimensionato e dovrà rinunciare obtorto collo al maltolto. Il QFS distruggerà i meccanismi fraudolenti del SWIFT e delle Banche Centrali e farebbe cessare tutta la corruzione e il riciclaggio dietro al sistema bancario attuale, in modo che le attività predatorie dei board dell’HSBC, della City Bank, della Deutsche Bank o della Barclay’s, sarebbero stangate sul nascere, anzi non potrebbero nemmeno essere più concepite. Il sistema di comunicazione satellitare a cui il QFS sarà agganciato garantirà il flusso dati bancari e delle transazioni, e sarà protetto dalla US Space Force, uno dei motivi per cui questa forza spaziale è stata creata dal Presidente Trump, investendo centinaia di miliardi di Dollari.


https://www.ilsole24ore.com/art/trump-fonda-l-esercito-le-guerre-spaziali-ACWsdr7?refresh_ce=1


In conclusione, chiediamoci dove si voglia e dove si possa arrivare con il Quantum Financial System.
Lo scopo implicito nella introduzione di questo nuovo sistema finanziario è far fare un salto evolutivo agli esseri umani, partendo dai miliardi di esercizi quotidiani concretamente fisici che tutti gli uomini fanno giorno per giorno, e che noi chiamiamo transazioni economiche. Esse sono le unità costitutive dell’economia, e attraverso le transazione prende forma il progetto di vita materiale di tutti noi. Il fine è quello di poter addivenire anche a consapevolezze metafisiche, cioè proprie di quella parte della filosofia che si spinge ad osservare molto oltre gli elementi contingenti immediatamente percepibili dagli esseri umani. Con questa prospettiva a ‘quantum’, tutta l’Umanità dovrebbe iniziare a proiettarsi in una realtà alla insegna della fisica quantistica, cioè in una dimensione di conoscenze totalmente nuove.
A meno da un secolo dalla formulazione della teoria quantistica, dobbiamo registrare la convergenza in un unico intreccio della fisica, della religione e della filosofia, nell’ambito di leggi quantistiche paradossali che si applicano nel mondo microscopico e in quello macroscopico, ma che evidentemente potrebbero avere interferenze anche nel nostro mondo ‘reale’. La fisica quantistica è una teoria fisica che descrive il comportamento della materia, partendo dalle radiazione e da tutte le loro interazioni viste sia come fenomeni ondulatori sia come fenomeni particellari (dualismo onda-particella). A differenza della fisica classica o newtoniana, basata sulle teorie di Isaac Newton, che vede la luce solo come onda e l’elettrone solo come particella, la fisica quantistica ha scoperto che la realtà è duale.

La scoperta del dualismo onda–particella è la principale causa della messa in discussione di tutte le teorie della fisica classica sviluppate fino al secolo scorso, e questa teoria fu sperimentata innanzi tutto sulla luce. Gli scienziati indagarono sui meccanismi di propagazione della luce e scoprirono cose sconvolgenti. Scoprirono che la luce si propagava per onde attraverso un esperimento molto particolare: un fascio di raggi luminosi colpiva uno schermo in cui erano presenti due fenditure, molto piccole, che diventavano due sorgenti omogenee. Si mise uno schermo dietro alle fenditure che avrebbe dovuto raccogliere la luce proveniente dai due fori e si videro, invece, delle frange chiare e scure, molto simili alle onde del mare provenienti da due sorgenti diverse. Questo fenomeno non si può spiegare con la fisica tradizionale e con le teorie corpuscolari, ma con le teorie ondulatorie. Due onde della stessa ampiezza possono essere in fase e, se interferiscono, originano un’onda sinusoidale che è somma delle sue sinusoidi componenti. Le due onde possono però essere in contro-fase e, se interferiscono, originare un’onda nulla. L’esperimento delle due fenditure, quando viene effettuato con singoli fotoni o anche singole particelle di materia, come elettroni e neutroni, pone una serie di enigmi su cui riflettere, poiché solleva domande fondamentali sulla natura stessa della realtà. Il senso critico newtoniano portava gli scienziati ad aspettarsi che i fotoni passassero attraverso una o l’altra delle fenditure, accumulandosi dietro ciascuna di esse, ma invece ciò non accade!
Coloro i quali hanno davvero capito la portata dirompente della scoperta, deducono che esiste un mondo di quantum, cioè un mondo quantistico che è influenzato dallo stato di coscienza degli esseri umani, dando così agli esseri umani un ruolo nell’ontologia creativa dell’Universo. Nella moderna fisica quantistica, contemplando questa prospettiva si finisce per rivalutare tutte quelle religioni che assegnano all’esistenza umana un significato profondo e un qualche carattere ‘divino’ di somiglianza a Dio, poiché l’esperimento della doppia fenditura realizzato nell’inviare singole particelle di luce o di materia verso due fessure praticate in una barriera, ci porta alla conclusione che la materia e l’energia si comportano fisicamente interferendo con lo stato di osservazione e di coscienza dell’essere umano che realizza l’esperimento. Dall’altro lato della barriera, nello schermo oltre le due fenditure, si registrava l’arrivo delle particelle sparate, e si creavano bande alternate di luce e di buio sortendo un’interferenza costruttiva (bande luminose), e quando si allineavano con gli avvallamenti si otteneva un’interferenza distruttiva (buio). Quanto avviene in questi tipi di esperimenti non ha alcun senso nella fisica newtoniana e perciò destruttura tutta la base su cui è poggiata la fisica classica e, a mio giudizio, la bontà del mondo unicamente visto in chiave materialista.

In questo periodo di buio della Democrazia e di totale abbrutimento umanistico, in cui non solo dire la verità ma anche fare festa liberamente e respirare l’aria sono diventati pericolosi atti rivoluzionari, concludo con le parole più famose di Dante. Nel corso di quel luminoso Risveglio che fu il Medioevo dopo l’anno 1000, il poeta fiorentino, in uno dei suoi lampi di luce, scrisse che

“fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza.”

La ‘virtute’ (virtù) che più di tutte dobbiamo seguire, cioè il quantum di luce che identifica l’unicità del nostro essere umani, è la cosa che più conta per lastricare la strada verso il Paradiso: l’Amore. Anche nello scambio economico più volgare, quello mediato dai soldi, deve esserci un quantum di Amore, non fosse altro perché ci dovremmo ricordare che proprio nello scambio economico ritroviamo quanto siamo bisognosi l’uno dell’altro. Chi ha pensato che la soddisfazione dei bisogni economici mediante artifici da noi stessi creati, come la finanza, debba avere una sola valenza corpuscolare e materiale, non sa che ha invece un superiore valore scientifico considerare in chiave duale tutto quanto ci circonda. E’ così e ce lo dice la scienza: deve esserci un qualche fotone di luce nascosto in ogni cosa che facciamo. Qualcuno ha chiamato questa luce, cioè questa energia, Amore.

5 thoughts on “RIVOLUZIONE MONDIALE: QUANTUM FINANCIAL SYSTEM

  1. La prima parte è perfetta e coincide, nella parte analitica, a quanto da anni in tanti poniamo all’attenzione nei social. La parte fisico/quantistica, da scienziato, molte estrapolazioni azzardate che andrebbero poste in discussione. Tuttavia se ne possono condividere le finalitá morali che appoggio senza riserve. Il vero nodo, per ora, sta nell’esito di questa guerra perché lo scontro é su molti piani, che Ben oltre che quantistici sono spirituali. Sotto questo profilo tanto le armi spirituali efficaci quali il coraggio e la conoscenza quanto il discernimento fra coloro che una cara amica chiama i giusti e le quinte colonne asservite che spesso si presentano con tratti amichevoli e buonisti pur perseguendo obiettivi criminali, diventa un esercizio logorante e dagli esiti incerti. Tuttavia continueremo saecula saeculorum.

  2. Questo articolo fa un’analisi molto intelligente e interessante della realtà geopolitica ed esistenziale, del periodo che stiamo vivendo. È esso stesso una Luce che rischiara il nostro cammino avvolto dalla penombra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social profiles

Calendario

Ottobre: 2020
L M M G V S D
« Set    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Social Media

Pagine