Roma – Da venerdì 6 novembre l’Italia è divisa in tre colori: rosso, arancione e giallo. Entrano in vigore le nuove regole per combattere l’aumento dei contagi rilevato nelle ultime settimane.

In tutta Italia è vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovate esigenze.

In area gialla (Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Province di Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto) è vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino. I centri commerciali rimangono chiusi nei festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno. Rimangono chiusi i musei, le mostre e le università. DAD per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità. Didattica in presenza, invece, per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie. Chiusura di bar e ristoranti alle ore 18. L’asporto è consentito fino alle ore 22. Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema.

In area arancione (Puglia e Sicilia), in aggiunta alle restrizioni in zona gialla, sono vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro. I bar e i ristoranti, sono chiusi 7 giorni su 7 ma l’asporto, e la consegna a domicilio, sono consentiti.

In area rossa (Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle D’Aosta)invece, in aggiunta alle restrizioni di cui sopra, è vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio Comune. In pratica un nuovo lockdown ad eccezione delle scuole dell’infanzia che rimangono aperte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social profiles

Calendario

Agosto 2022
L M M G V S D
« Lug    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Social Media

Pagine