CARRAMBA CHE BRUTTA NOTIZIA

Roma – Il 5 luglio scorso è venuta a mancare Raffaella Carrà, l’icona della Tv e della musica italiana, famosa anche in Spagna e America Latina. Nata a Bologna il 18 giugno 1943, è cresciuta insieme alla  mamma e alla nonna.

Raffaella Carrà

Nel 2017, in occasione del World Pride di Madrid, le è stato infatti assegnato il riconoscimento di ambasciatrice dell’amore.
Secondo indiscrezioni la conduttrice è morta a seguito di un tumore ai polmoni, con il quale combatteva da parecchio tempo.
Non aveva potuto avere figli e ne aveva sofferto moltissimo quando il medico a 40 anni le disse che non aveva speranze.
Era stata celebrata lo scorso novembre da un lungo articolo del quotidiano britannico «Guardian», che metteva in fila alcuni dei passaggi più noti del suo percorso artistico (dall’ombelico mostrato durante Canzonissima a «A far l’amore comincia tu», da «Tanti auguri» al Tuca Tuca con Enzo Paolo Turchi, salvato dalla censura Rai da Alberto Sordi) e la incoronava la «pop star italiana che ha insegnato all’Europa la gioia del sesso».
Raffaella ci ha lasciati. E’ andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre“. Con queste parole Sergio Japino, suo grande amore ed ex compagno, ha dato l’annuncio unendosi al dolore dei nipoti Federica e Matteo.
La sua risata e generosità hanno accompagnato intere generazioni, il suo talento, l’ombelico di fuori, e i brani per l’epoca trasgressivi per la tv, l’hanno resta la Star che era per il nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social profiles

Calendario

Settembre: 2021
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Social Media

Pagine