I 100 ANNI DEL MILITE IGNOTO

Roma- Il 4 novembre scorso sono stati celebrati i 100 anni del Milite Ignoto, più precisamente 100 anni fa fu tumulato il Milite Ignoto all’Altare della Patria a Roma.

Dopo la Prima guerra mondiale, le Nazioni che vi avevano partecipato vollero onorare i sacrifici e gli eroismi delle collettività nella salma di un anonimo Combattente, caduto in guerra. Come si evince dal sito della Difesa, l’allora Ministero della guerra dette incarico ad un’apposita commissione di esplorare tutti i luoghi nei quali si era combattuto e di scegliere una salma ignota e non identificabile per ognuna delle zone del fronte: Rovereto, Dolomiti, Altipiani, Grappa, Montello, Basso Piave, Cadore, Gorizia, Basso Isonzo, San Michele, tratto da Castagnevizza al mare.

Furono scelte e portate nella Basilica di Aquileia undici salme, ma solo una sarebbe stata tumulata al Vittoriano. A scegliere fra undici bare identiche fu chiamata una donna di Trieste, Maria Bergamas, il cui figlio Antonio – disertore dell’esercito austriaco e volontario nelle fila italiane – era caduto in combattimento senza che il suo corpo potesse essere identificato.

Il Feretro prescelto fu poi trasferito a Roma su un treno speciale a velocità ridotta sulla linea Aquileia-Venezia-Bologna-Firenze-Roma, ricevendo gli onori delle folle presso ciascuna stazione e lungo gran parte del tracciato. Prima della tumulazione, all’Altare della Patria, un soldato semplice pose sulla bara l’elmetto da fante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social profiles

Calendario

Gennaio: 2022
L M M G V S D
« Dic    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

Social Media

Pagine