GINOSA E CASTELLANETA CHIEDONO AIUTO, LA REGIONE TEMPOREGGIA

Comunicati Stampa Mar, 05/11/2013 - 15:50

Dopo i proclami nelle ore successive l’alluvione tra il 7 e l’8 ottobre scorsi, la Giunta Vendola non ha ancora comunicato nulla al Ministero dell’Agricoltura. Per L’Abbate e Donno (M5S) siamo alle solite: “le promesse non vengono mai seguite dai fatti”

 

A pochi giorni dall’alluvione che ha colpito i territori di Ginosa e Castellaneta, venerdi’ 11 ottobre, il Presidente Vendola dichiarava “da una prima informale ricognizione, il complesso delle risorse, tra Protezione Civile e quelle settore agricoltura, dovrebbe ammontare a euro 2 Mln. E’ indispensabile che queste risorse vengano aggiunte, nel piu’ breve tempo possibile, ulteriori risorse del governo nazionale al quale chiediamo, tra l’altro, celerita’ nell’accoglimento della dichiarazione di stato di emergenza e di calamita’ naturale”. Sono trascorsi 25 giorni ma al Ministero dell’Agricoltura non e’ ancora arrivata la richiesta della Giunta regionale pugliese per lo stato di calamita’ naturale, nonostante l’iter sia stato avviato immediatamente con delibera della stessa Giunta.

Siamo alle solite – dichiara il deputato pugliese L’Abbate (M5S), componente della Commissione Agricoltura – alle promesse, strombazzate ai quattro venti per tener apparentemente contenti tutti, non seguono mai i fatti”. Senza l’invio della documentazione in via XX Settembre, infatti, il processo di approvazione governativa non puo’ procedere e gli agricoltori perderebbero anche quell’ultimo barlume di speranza di ottenere qualche misero contributo a valere su un fondo di solidarieta’ oramai a secco. “Noi siamo pronti per dare manforte alla Regione Puglia con tutti gli strumenti a nostra disposizione – affermano all’unisono i parlamentari pugliesi del MoVimento 5 Stelle – ma se la Giunta Vendola non si desta, nessuna azione puo’ essere messa in atto da parte nostra”. “Bisogna darsi da fare affinche’ i tempi si accorcino ed i cittadini coinvolti non si trovino di fronte a spiacevoli conseguenze – rincara la dose la senatrice salentina Daniela Donno, M5S – Perche’ se oggi il problema e’ la mancata documentazione, nel tempo il problema si riferisce alla mancata pianificazione e manutenzione del territorio e delle esigenze di chi lo vive. E’ necessario un comportamento solerte e operoso da parte dell’assessore Nardoni”. 

Ma se da un lato la mancata comunicazione al Mipaaf da parte della Regione Puglia blocca qualsiasi ulteriore misura parlamentare, a destare preoccupazione e’ piuttosto l’assenza di pianificazione degli interventi di manutenzione e contrasto al dissesto idrogeologico che si perpetra da lustri. I territori interessati dall’alluvione, infatti, lungo la costa jonica si presentano solcati da numerose incisioni. Gravine di epoca remota che testimoniano come l’acqua e’ passata da sempre, con irruenza e portate copiose, da 400 metri sopra il livello del mare a -1,5 metri. Ed e’ dai lontani anni ’90 che l’Anbi Puglia richiede di intervenire, tramite il Consorzio dello “Stornata e Tara” con il “Progetto di Sistemazione della Rete Idraulica scolante a servizio dell’area Sinni”. “La situazione ha dell’incredibile – continua L’Abbate – Quando si tratta di programmazione e pianificazione delle opere da realizzare per mettere in sicurezza interi territori i soldi latitano, o magari si preferisce spenderli in altre misure la cui priorita’ e’ tutta da dimostrare. Quando, invece, scatta l’emergenza, magari dopo eventi a dir poco drammatici, i soldi sono subito disponibili. Sarebbero stati sufficienti, come dimostra la relazione presentata dall’Anbi da anni e anni, circa 700 mila euro per realizzare la ‘Diga sul Fiumicello’”.

Tra i benefici: i mancati danni al territorio pari a circa 80 Mln di euro ogni qual volta si verifica un evento alluvionale, la cui acqua verrebbe invasata, invece di invadere lo stesso; lo sviluppo delle attivita’ lavorative in fase di realizzazione per circa 150 Mln di euro; il beneficio lavorativo e territoriale per ogni anno di esercizio per euro 10 Mln; i benefici ambientali, ombra, per i territori regionali da valutare con puntualita’, ma certamente superiori ai 20 Mln di euro per ogni anno di esercizio nonche’ i rientri statali per Iva e imposte contributive non inferiore a 15 Mln di euro all’anno in fase di realizzazione dell’opera e non meno di 8 Mln di euro all’anno in fase di esercizio della stessa. Quest’ultimo disastro, infatti, che segue quello del 2011, ha danneggiato strutture irrigue, acquedottistiche, di bonifica (rete scolante ed idrovora) per oltre 10 Mln di euro, mentre le strutture urbane, extraurbane, produttive e di viabilita’ per non meno di 60 Mln di euro. “Ovviamente siamo coscienti che il periodo di crisi mette a dura prova le casse della Regione Puglia e che non si possono portare a termine tutti i progetti necessari – concludono i due parlamentari 5 Stelle della Commissione Agricoltura, L’Abbate (Camera) e Donno (Senato) – ma la sordita’ (e la cecita’) della Giunta Vendola, sin dai tempi di Amati assessore, dinanzi alla richiesta di finanziare le iniziative piu’ urgenti e’ l’unica responsabile di un evento drammatico di tale portata. Dobbiamo invertire la rotta e dobbiamo farlo da subito, come ha anche sottolineato il Consorzio di Bonifica. Nella mozione sulla Politica Agricola Comunitaria, presentata a meta’ settembre dal nostro gruppo, abbiamo richiesto di stabilire che il 5% delle risorse del primo pilastro della PAC sia trasferito a valere sul piano nazionale per la gestione del rischio, a fronte del fabbisogno stimato pari a circa 220 milioni di euro riferito ad avversita’ ed epizoozie”.